Lotus History

L O T U S deve la sua nascita al genio di un uomo il cui coraggio e caparbietà hanno cambiato la storia dell’automotive e della Formula 1: Anthony Colin Bruce Chapman.

Anthony Colin Bruce Chapman (ACBC) nacque il 19 maggio 1928. Dopo la laurea in Ingegneria presso la prestigiosa University College di Londra militò per qualche tempo presso la RAF per poi diventare pilota della Vanwall. Ogni esperienza fu per lui grande fonte di ispirazione.
Realizzò la sua prima vettura nel 1948, quando ancora studente, con l’ausilio di rudimentali strumenti, costruì la Lotus Mark 1.  Chapman da quel giorno non smise mai di credere nelle sue macchine e nel 1952 fondò la Lotus. Celebri sono divenute le sue citazioni che possono considerarsi il leitmotiv dei suoi successi: “to add speed, add lightness”, “if you’re not winning, you are not trying”.
Molti dei piloti più famosi della Formula 1 credettero nel suo genio e nelle potenzialità delle sue idee come i mitici Clark, Hill, Andreetti, Senna, solo per citarne alcuni, i quali negli anni: 1963, 1965, 1968,1970, 1972, 1973, 1978 portarono Lotus a vincere la World Championship. Nella sola Formula 1, la Casa Automobilistica conta più di 475 Gran Premi, 79 vittorie e ben 7 titoli mondiali.

Chapman fu padre di importanti innovazioni, solo per citarne alcune: l’introduzione dell’ “effetto suolo”, le ali portanti, il telaio monoscocca e il controllo attivo delle sospensioni fino al telaio in estruso di alluminio incollato, il  motore in posizione centrale – posteriore portante.

Chapman fu un innovatore anche in ambito marketing, fu il primo ad introdurre le sponsorizzazioni esterne all’ambiente automobilistico. Passate alla storia  le livree della Lotus 49 “Gold Lief” con colorazione rossa e bianca e della Lotus 79 “JPS” con colorazione nera e oro.

Avvolta ancora nel mistero è la morte di Colin Chapman (16 dicembre 1982) la cui anima continua a vivere nel ricordo dei tanti appassionati, dei dipendenti della Lotus UK e soprattutto nelle vetture. Oggi come allora  (LOGO): 4 lettere intrecciate tra loro a ricordo di un uomo divenuto un simbolo.

L’Azienda come allora è famosa  non solo per le sue vetture innovative ma per il proprio Know How ingegneristico che esporta in tutto il mondo.
Come ai tempi di Chapman, l’obiettivo è di creare auto bilanciate, capaci di emozionare e di stupire, dove la vera anima è rappresentata dalla straordinaria dinamica e dall’esclusivo design.

Lotus: una scelta di divertimento esclusivo.